Aggregatore Risorse

null Serie Flora e Fauna Il racconto delle tigri, i potenti re della foresta

Serie Flora e Fauna Il racconto delle tigri, i potenti re della foresta

Benvenuti al terzo articolo della nostra serie dedicata alla flora e alla fauna. In questa serie affrontiamo fatti interessanti relativi agli animali in via di estinzione e a quanto possiamo favore per conservarne le popolazioni. In questo numero parliamo della potente cacciatrice senza paura: la tigre.

Nel corso della storia umana le tigri sono state usate per simboleggiare e rappresentare ferocia e coraggio. Fanno la loro comparsa in antichi dipinti cinesi che risalgono al 600 aC con indosso uniformi militari coreane durante la dinastia Choson, e come animali nazionali in molti Paesi per ritrarre coraggio, forze e protezione. Che cosa c’è di così speciale nelle tigri che le rendono l’animale feroce preferito?

Le tigri sono di fatto i re della foresta. Sono la specie felina più grande al mondo, e possono reclamare a pieno diritto il posto più in alto nella catena alimentare. Ma questo non accade immediatamente. I cuccioli iniziano a imparare a cacciare a sei mesi, anche se dipendono ancora dalle loro madri. E lasciano le madri solo quando raggiungono i due anni di età. E sono esattamente come noi quando si tratta di amore materno.

Con la crescita acquisiscono i tratti fisici che li trasformano in cacciatori perfetti. Solitamente vivono e cacciano da sole, le tigri hanno delle zampe posteriori molto forti e lunghe che le consentono di saltare fino a circa 10 metri in avanti. Inoltre il loro ruggito può essere sentito fino a quasi tre chilometri e mezzo di distanza, e gli scienziati hanno anche scoperto che ha un potere paralizzante sugli altri animali. Non cìè quindi da meravigliarsi che molti nel mondo amano usare come simbolo di forza.

Tuttavia, non dobbiamo temerle e dobbiamo lasciare che conquistino il loro habitat naturale. La realtà è che nonostante la loro immagine potente, le tigri sono uno degli animali più a rischio di estinzione nel pianeta. La notizia triste è che oggi è rimasto meno del 5% della loro popolazione allo stato libero. Una delle sottospecie delle tigri, la tigre di Sumatra, originaria dell’isola di Sumatra in Indonesia, è elencata tra le specie a grave rischio di estinzione dallo IUCN.

Va bene, e allora? Non bisogna ignorare l’importanza di questo problema. Gli effetti avversi provocati dalla diminuzione della popolazione di tigri potrebbero non essere chiari all’inizio, ma possono riflettersi sulla salute dell’intero ecosistema. Quando i predatori allo stato libero sono solo pochi, la popolazione che veniva cacciata crescerà molto rapidamente. Il numero troppo alto di erbivori porterebbe a una riduzione della vegetazione nella foresta, e gli animali potrebbero vagabondare negli insediamenti umani. Di certo non vogliamo che questo accada.

Nel nostro ruolo di società indonesiana che opera nel settore della fibra di legno e della carta condividiamo la responsabilità di aiutare a proteggere le tigri di Sumatra. Si stima che la popolazione di tigri di Sumatra nelle concessioni a Sumatra dei nostri fornitori sia composta da 69 individui, e facciamo del nostro meglio per proteggerle dai bracconieri e dai conflitti tra uomo e animali. Queste creature magnifiche sono uno dei nostri animali che ha le priorità nella conservazione.

Stiamo lavorando con il governo, con il Forum HarimauKita, e con altri nei nostri sforzi per proteggere la popolazioni delle tigri di Sumatra. Ed è con orgoglio che diciamo di avere ricevuto di recente un premio dal Ministro per l’ambiente e le foreste indonesiano per i nostri sforzi computi in questo settore. Per monitorare i loro movimenti, abbiamo installato 177 fototrappole nelle aree delle nostre concessioni. Inoltre, pattugliamo con regolarità addestriamo il personale e gli appaltatori che lavorano nelle foreste ed educhiamo le comunità nelle nostre concessioni sulla conservazione delle tigri. A livello di società continuiamo a implementare una gestione sostenibile delle foreste per garantire la protezione delle tigri di Sumatra e delle altre specie protette della flora e della fauna.

A questo punto viene da chiedersi cosa possiate fare per aiutare a salvare questi animali a grave rischio di estinzione. Si possono fare molte cose, ma si può cominciare con cose molto semplici come condividere sui propri social questo articolo. Più le persone leggono sulle tigri e sui motivi per i quali le dobbiamo proteggere e più contribuiamo a creare consapevolezza.

Il passo successivo è diventare consumatori saggi e responsabili, in particolare quando si comprano prodotti di carta. Questo comprende verificare che la carta igienica e gli asciugamani e i tovaglioli di carta che si usano abbiano un Certificazione PEFC. La certificazione garantisce che la società rispetta le modalità responsabili e sostenibili di gestire le loro foreste, e che presta attenzione all’ambiente, alla flora e alla fauna, comprese le nostre tigri preferite.

Continuiamo a lavorare tenendoci per mano per proteggere le tigri di Sumatra in modo che anche le generazioni future possano vederle in tutto il loro fulgore, e non solo da dipinti e statue.

Risorse correlate

Related Stories

Serie Flora e Fauna L’orangotango, il nostro cugino in gamba nella scala evolutiva.

Benvenuti al secondo articolo della nostra serie dedicata alla flora e alla fauna. In questa serie affrontiamo fatti interessanti relativi agli animali in via di estinzione e a quanto possiamo favore per conservarne le popolazioni. In questo numero parliamo dei nostri cugini nella scala evolutiva: gli orangotanghi.