Aggregatore Risorse

null Serie Flora e Fauna L’orangotango, il nostro cugino in gamba nella scala evolutiva.

Serie Flora e Fauna L’orangotango, il nostro cugino in gamba nella scala evolutiva.

Benvenuti al secondo articolo della nostra serie dedicata alla flora e alla fauna. In questa serie affrontiamo fatti interessanti relativi agli animali in via di estinzione e a quanto possiamo favore per conservarne le popolazioni. In questo numero parliamo dei nostri cugini nella scala evolutiva: gli orangotanghi.

Sapevate che il significato letterale del termine orango è ‘persona della foresta’? La parola deriva dalla fusione di due parole malesi/indonesiane: orango e tango, la prima che vuol dire ‘persona’ e la seconda ‘foresta’. E come suggerisce il nome, gli orangotanghi hanno molte caratteristiche in comune con noi, cosa che li rende così umani.

Basta guardarli. Se uno vedesse il loro profilo in mezzo alla foresta, potrebbe pensare che siano degli uomini abbastanza grandi. Si tratta degli animali più grandi della Terra che vivono sugli alberi, e un orangotango maschio può arrivare a pesare anche più di 140 kg. Trascorrono il 90 percento del loro tempo sulle cime degli alberi mangiando frutti maturi, foglie giovani, e ogni tanto termiti o filossere.

Gli oranotanghi camminano solitamente poggiando tutti e quattro gli arti a terra, ma basta guardarli da vicino, ed è possibile vedere che come gli uomini, usano molto le mani. Hanno il pollice opponibile che è utile per trasportare cibo e per afferrare i rami degli alberi. Alcuni orangotanghi usano anche strumenti come ad esempio bastoni per prendere termiti, formiche o api per snidarle. E si è anche visto che realizzano una sorta di ‘guanti’ fatti di foglie per maneggiare frutti pungenti o rami spinosi. Ebbene sì, sono intelligenti.

Ma non è tutto. E in aggiunta a tutto questo, gli orangotanghi sanno anche ragionare e pensare, esprimere emozioni proprio come noi, sorridere, piagnucolare, piangere. Per questo le loro somiglianze con noi sono fuori dal comune. Se li guardate da vicino anche per un solo minuto, siamo davvero sicuri che giurerete che sono proprio come noi.

A lo sono. Se confrontato con il nostro, il 97 percento della sequenza del DNA degli orangotanghi è simile a quella del nostro DNA, secondo un’analisi pubblicata nel 2011 da un gruppo di scienziati internazionali. Li ha resi uno dei parenti viventi più vicini a noi nella scala evolutiva, insieme agli scimpanzè, e come scoperto di recenti, i bonobo. E quindi non è così strano se si prova un forze senso di affinità quando vedete un orangotango.

Purtroppo, l’ironia vuole che i comportamenti umani siano al contrario, le minacce più pericolose per gli orangotanghi. I bracconieri, la perdita dell’habitat e i conflitti tra uomo e Flora e Faina stanno minacciando tutte le specie di orangotanghi allo stato selvaggio. Tutte le specie di orangotanghi sono dichiarate “a rischio serio di estinzione” da parte dell’IUCN, in altre parole i nostri cugini nella scala evolutiva potrebbero estinguersi se non agiamo rapidamente.

Cosa possiamo fare al riguardo? Dal canto nostro, sosteniamo misure per ridurre i conflitti tra umani e orangotanghi intorno alle nostra concessioni e continuiamo a far crescere la consapevolezza in modo che sia di aiuto nell’applicazione della nostra politica tolleranza zero per chi mette a repentaglio pe specie in pericolo. Per le nostre azioni lavoriamo insieme ai seguenti enti: Natural Resources Conservation Agency – East Kalimantan, Kutai National Park, e al Orangutan Foundation International. Per avere maggior informazioni sulle nostre azioni mirate alla conservazione, fare clic qui.

E anche voi potete avere un ruolo. Sono molti a pensare che sia impossibile aiutare gli orangotanghi da migliaia di chilometri di distanza. Ma si sbagliano. Basta fare cose semplici come ridurre, riutilizza e riciclare si aiuta di fatto a ridurre l’inquinamento e a conservare l’ambiente e il loro habitat. Potrebbe non sembrare molto, ma sono le piccole cose che possono fare grandi differenze. Anche condividendo questo articolo sui vostri social può aumentare la consapevolezza di questo problema e avere un effetto reale.

Gli orangotanghi sono una specie chiave. In altre parole essi modificano in modo incredibile l’ambiente intorno a loro, e molte altre creature e piante dipendono da queste modifiche per poter sopravvivere. Con la scomparsa degli orangotanghi, migliaia di specie diverse in habitat tropicali fragili inizieranno presto a scomparire. E questi cambiamenti si riflettono anche su noi, gli umani, che vivono sullo stesso pianeta. Pertanto, se compiamo degli sforzi per aiutare gli orangotanghi e i loro habitat, non solo salviamo le altre creature, ma proteggiamo anche il nostro futuro.

Seguiteci sui nostri social su FacebookInstagram, e Twitter per scoprire altri fatti interessanti sulla flora e sulla fauna e su come sia possibile aiutare a salvarli. Iniziate il cambiamento ora per un domani migliore per tutti noi!

Risorse correlate

Related Stories

Serie Flora e Fauna L’elefante e l’emozione del gigante

Benvenuti al primo articolo della nostra serie su Flora e Fauna. In questa serie affrontiamo fatti interessanti relativi agli animali in via di estinzione e a quanto possiamo favore per conservarne le popolazioni. In questo numero parliamo del magnifico frugivoro: l’elefante.

Serie Flora e Fauna Il racconto delle tigri, i potenti re della foresta

Benvenuti al terzo articolo della nostra serie dedicata alla flora e alla fauna. In questa serie affrontiamo fatti interessanti relativi agli animali in via di estinzione e a quanto possiamo favore per conservarne le popolazioni. In questo numero parliamo della potente cacciatrice senza paura: la tigre.

In che modo spiegare la crisi climatica ai bambini

"I bambini di oggi saranno i leader di domani e la loro formazione è molto importante per prepararli ai loro futuri ruoli come leader delle comunità." - Nelson Mandela, 1990.