Aggregatore Risorse

null La risposta a Greenpeace di APP sui problemi degli incendi: Cinque anni di incendi con data 22 ottobre 2020

La risposta a Greenpeace di APP sui problemi degli incendi: Cinque anni di incendi con data 22 ottobre 2020

Greenpeace ha offerto ad APP l’opportunità di condividere il suo punto di vista prima della pubblicazione dell’articolo precedente.  Il 5 ottobre 2020, APP ha offerto a Greenpeace delle correzioni basate sui fatti oltre alla propria opinione.  APP si è inoltre offerta di avviare un dialogo con Greenpeace per fornire ulteriori chiarimenti e contesto in merito alle questioni sollevate nel rapporto, che non è stato ripreso.  

Dopo aver esaminato in dettaglio il rapporto pubblicato, abbiamo notato che Greenpeace ha tenuto pochissimo conto del feedback che è stato fornito.  Abbiamo pertanto rilasciato la seguente nota informativa per condividere il materiale che era stato reso disponibile in precedenza a Greenpeace e per offrire maggiore chiarezza sulla questione, in particolare riguardo le aree pertinenti alle prestazioni di APP nella protezione delle foreste e la prevenzione degli incendi.

Fornitori di APP

Nel rapporto preliminare di chiarimento inviato ad APP da Greepeace, sono stati notati diversi errori. APP ha chiarito che le seguenti aziende non sono parte della catena di approvvigionamento di APP e che non sono in atto contratti commerciali con esse.  Sono:

  •  PT Kirana Chatulistiwa

  •  PT Hutan Rindang Banua

  •  PT Bangun Rimba Sejahtera

PT Artelindo Wiratama è inoltre stata elencata erroneamente come fornitore di APP. Anche se al momento è in corso il processo di Valutazione dei fornitori e dei rischi (SERA) di queste aziende, requisito necessario prima di diventare nuovo fornitore della catena di approvvigionamento di APP, nel periodo esaminato dal rapporto queste non erano fornitori.

I dettagli di tutte le concessioni di fornitori di cellulosa di APP sono liberamente disponibili sul dashboard sostenibilità di APP (https://sustainability-dashboard.com/supplier-management/pulpwood-suppliers), inclusi nomi, luoghi, dimensioni e stato delle valutazioni di Valore di alta conservazione (HCV) e Stock ad alto livello di carbonio (HCS). È anche possibile consultare il rapporto 2019 di APP sui collegamenti commerciali a tutte le aziende di foreste industriali indonesiane (https://sustainability-dashboard.com/documents/115225/126520/APP+ASSESSMENT+ON+ITS+LINK+WITH+INDUSTRIAL+FOREST+PLANTATIONS+IN+INDONESIA.pdf/327bda1c-f4ff-b9cd-91c1-c737385b07c0?t=1594640759437). 

Sanzioni nei confronti del fornitori di APP

Greenpeace ha inoltre utilizzato le sanzioni come indicatore nel proprio rapporto. Ciò può essere fuorviante. Il Governo dell’Indonesia può imporre alle aziende diversi livelli di sanzioni in caso di incendi boschivi.  Sono: 

  1.  Sanzioni amministrative: Incaricare un’azienda di assistere nelle indagini e fornire rapporti completi per garantire che la società sia conforme

  2.  Sanzioni operative: Incaricare un’azienda di implementare le azioni correttive dettagliate

  3.  Blocco della licenza che comporta la sospensione temporanea delle operazioni fino a quando non vengono adottate le azioni correttive

  4.  Ritiro della licenza, in caso l’azienda non fosse in grado o non fosse disposta ad adottare le azioni correttive 

Nel periodo dal 2015 al 2018, 23 aziende nella catena di approvvigionamento di APP hanno ricevuto delle sanzioni amministrative, mentre 2 hanno ricevuto delle sanzioni operative. Nel 2019, APP o i suoi fornitori non hanno ricevuto sanzioni. Le sanzioni sono state revocate a seguito dell’adempimento degli obblighi definiti dalle rispettive aziende. A partire da dicembre 2019, non sono presenti indagini in corso o sanzioni in sospeso nei confronti di APP o aziende fornitrici di APP.  Queste informazioni sono state fornite a Greenpeace durante il chiarimento.

Tuttavia, il rapporto pubblicato ha continuato a identificare un totale di 33 sanzioni, incluse 3 nel 2019. Non è chiaro come Greenpeace sia giunto a questo numero, poiché il rapporto non elenca le fonti di queste informazioni né l'elenco dei fornitori utilizzati per il confronto.

Incendi boschivi in Indonesia

Gli incendi rappresentano un grande preoccupazione per tutte le parti.  Anche APP e i suoi fornitori sono vittime di questo fenomeno poiché parte dello stock immagazzinato è stato, e continua ad essere, distrutto dagli incendi.  

Le cause degli incendi boschivi sono complesse, come lo sono le soluzioni necessarie per la prevenzione, contenimento e riduzione della minaccia. Le persone che studiano questi incendi devono avere una conoscenza profonda dei problemi che va oltre la semplice visione di foto satellitari e resti degli incendi.  

Greenpeace sembra dedurre che gli incendi su terreni in concessione dimostrano che gli operatori delle piantagioni continuano a utilizzare il fuoco per liberare terreni per colture commerciali.  APP e i suoi fornitori adottano una politica che non prevede incendi da diversi anni e non utilizzeranno mai gli incendi per la bonifica. Presumere semplicemente che la presenza di incendi serva alla bonifica dei terreni da parte dei possessori di concessioni semplifica notevolmente la situazione, confondendo la correlazione con la causalità. Non può essere tratta alcuna conclusione senza comprendere le origini e la posizione specifica di questi incendi e senza sovrapporre a ciò le dinamiche sociali esistenti in queste aree.  Se davvero la natura del problema è quella suggerita da Greenpeace, potrebbe essere difficile comprendere quali aree bruciate nelle stagioni precedenti, presumibilmente per la piantagione, potrebbero essere soggette a incendi in futuro. Le colture delle piantagioni possono richiedere fino a cinque anni per maturare e non c'è motivo per nessuna azienda di bruciare il proprio raccolto.  

Questa affermazione inoltre non spiega la grande quantità di allarmi incendio e aree bruciate fuori dai confini delle concessioni.  Perché si verificano questi incendi?  La piattaforma aperta Global Forest Fire Watch di WRI, ha mostrato che l’80% degli allarmi incendio totali registrati nel 2019 sono stati esterni ai confini delle concessioni, che è stato un anno senza piogge.  Ciò che sarebbe anche significativo è un'analisi del terreno e delle colture coltivate, se ce ne sono, dopo l'incendio.  Ciò potrebbe fornire una prova più convincente nel caso la prima affermazione fosse vera.

Il valore aggregato utilizzato nel rapporto di Greenpeace nasconde inoltre il progresso significativo fatto dai devastanti incendi nell’anno di riferimento 2015.  Il rapporto riunisce i dati dal 2015 in poi. L’anno di riferimento 2015 consegna dati falsati. Da allora, le aziende come APP hanno investivo in modo significativo nella prevenzione degli incendi, avvisi tempestivi, l’essere pronti e la soppressione per evitare che si ripeta il disastro del 2015.  APP ha investito oltre 150 milioni di dollari USA nella Gestione integrata degli incendi per rafforzare le sue capacità di sorveglianza, preparazione e lotta agli incendi. Questi includono investimenti in termini di apparecchiature, tra cui elicotteri, autopompe e veicoli a supporto, in modo che le forze possano rispondere rapidamente e in modo efficiente allo scoppio di incendi. Ad oggi APP ha una delle forze di protezione contro gli incendi più grandi dell’Indonesia con oltre 3.000 pompieri addestrati.  

Questo investimento è una parte importante del motivo per cui i successivi quattro anni hanno visto una riduzione generale degli incidenti causati dagli incendi e notevoli progressi nella lotta alla minaccia degli incendi.  Con la conclusione della stagione senza piogge tra poche settimane, il 2020 vedrà APP registrare uno dei suoi anni migliori nella lotta agli incendi, dove le aree colpite dagli incendi saranno molto piccole e dove la squadra antincendio avrà contenuto gli incendi a meno di due ettari entro quattro ore più del 90% delle volte.  

In conclusione, il rapporto non cita il coinvolgimento degli altri stakeholder nella risoluzione del problema.  Non da inoltre credito ai programmi delle comunità che, aziende come APP, adottano per prevenire l’uso degli incendi nell’agricoltura, una delle principali cause degli incendi boschivi. Il programma DMPA iniziato da APP, basato sul concetto di Sistema di silvicoltura e agricoltura integrate, offre la formazione sui rischi legati agli incendi e scoraggia l’uso della debbiatura nelle fattorie della comunità. Risolve inoltre la causa principale dei questi incendi, la povertà. 

Migliorando l'accesso della comunità a mezzi di sussistenza migliori e più sostenibili, APP è in grado non solo di migliorare la vita, ma anche di ridurre il rischio di incendi e la deforestazione nelle aree all'interno e intorno alle concessioni dei suoi fornitori. Ad oggi, oltre 31.000 famiglie da 390 villaggi hanno beneficiato del programma.  Poiché il programma è ancora relativamente alle fasi iniziali, il successo a lungo termine da vedere, ma prove aneddotiche suggeriscono che abbia già contribuito in modo significativo a un cambiamento verso un'agricoltura più sostenibile. 

Vale la pena ribadire il punto: la questione degli incendi è complessa.  La comprensione dell’argomento richiede di andare oltre l’aggregazione dei dati e la lettura delle conclusioni in un modo superficiale.  Se il dubbio di Greenpeace è di comprendere tali problemi in modo più approfondito, e risolvere la manaccia degli incendi, APP resta aperta al dialogo. 

Per ulteriori chiarimenti e domande, contattare letchumi.achanah@app.co.id (+6012 392 5343)

Risorse correlate

Related Stories